Or nella solitaria cadenza d’un approdo

Or nella solitaria

cadenza d’un approdo

svanita la memoria

al suo tepore effusa

esala bianca l’isola

la brezza del mio cielo.

Alfonso Gatto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...