Le frasi più belle sulla vita in napoletano

 

A vita è comme ‘a scala do vallenaro: è corta e chiena ‘e merda.

La vita è come la scala del pollaio: è breve e piena di merda.

A vita è ‘n’affacciata ‘e fenesta.

La vita è un affacciarsi alla finestra.

Breve è la vita, una fugace visione che presto dilegua.

Porpora e rosa: egual destino; belle | fin che durino gocce dell’aurora; | ma che il Padre dei vivi le dardeggi | d’un solo raggio, e vedile avvizzire. | Breve è la vita ai fiori; orgoglio, fasto, | al mattino, e la sera già decade | loro impero e calamità li reca | a trista morte.

(Acolmiztli Nezahualcóyotl)

A cicala canta, canta e po’ schiàtta. 

La cicala canta, canta e poi muore.I

Il lieto vivere senza darsi pensiero del domani si sconta duramente.

A vita è ‘n’arapute i cosce e na nzerrate i casce!

La vita è un’apertura di gambe (della partoriente) ed una chiusura di cassa (da morto)!

A meglia vita è chella d’ ‘e vaccàre, pecchè tutta ‘a jurnàta manèano zizze e denare.

La migliore vita è quella dei mandriani, perché tutta la giornata maneggiano mammelle (per la mungitura) e soldi (i proventi della loro attività).

La quintessenza dell’edonismo e del materialismo: il culmine della felicità – nei termini di questa concezione radicale – si attinge occupando l’intera vita nel godimento di bellezze muliebri e nel maneggio continuo di quantità cospicue di denaro.

Buonu tiempo e malu tiempo nun durano tutto ‘o tiempo.

Buon tempo e cattivo tempo non durano tutto il tempo.

Nulla dura per sempre, tutto passa, le buone come le cattive cose.

Chisto è ‘o munno: chi naveca e chi va a funno.

Questo è il mondo: chi naviga e chi va a fondo.

Dicette ‘o pappavallo: chi vo’ campà felice vere ‘o stuorto e nun adda ricere. 

Disse il pappagallo: chi vuole vivere felice vede ciò che va male e non lo deve dire.

Meglio far finta di non accorgersi di quello che non va se si vuol vivere felici.

Lassa correre ‘o munno comme va. 

Lascia correre il mondo così come va. Lascia che il mondo vada per il suo verso.

Male e bene a fine vene.

Male e bene terminano.

Non avvilirti, nessun male è eterno; non insuperbirti, nessun bene dura per sempre.

Nisciuno è nato ‘mparato.

Nessuno è nato istruito, saggio, esperto.

Nisciuno è nato mparato: tutto chello ca sapimmo ce l’avimmo mparato. Nuie nun dicimmo niente ca nun è stato già ritto e, si ricimmo coccosa ‘e inteliggente, ce l’anno mparato ll’uommene inteliggente.

Nessuno è nato sapiente: tutto quello che sappiamo l’abbiamo imparato. Noi non diciamo niente che non sia stato già detto e, se diciamo qualcosa di intelligente, ce l’hanno insegnato gli uomini intelligenti.

oppure

È inevitabile commettere errori, si impara con l’esperienza.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*