Le frasi più belle sulla vita in napoletano

A vita è comme ‘a scala do vallenaro: è corta e chiena ‘e merda.

La vita è come la scala del pollaio: è breve e piena di merda.

La vita è breve e fugace e spesso difficile, piena di ostacoli da superare.

Chi va pe’ chisti mari chisti pisci piglia.

Chi va per questi mari questi pesci prende.

È scontato che scelte, decisioni rischiose possono comportare conseguenze spiacevoli che non devono né sorprendere né rammaricare

A vita è ‘n’affacciata ‘e fenesta.

La vita è un affacciarsi alla finestra.

Breve è la vita, una fugace visione che presto dilegua.

Chi se venne ‘u culo po’ nun se pò chiù assettà’.

Chi vende il proprio sedere non potrà più sedersi.

Persmodata avidità si finisce per restare privi anche dell’indispensabile.

A cicala canta, canta e po’ schiàtta. 

La cicala canta, canta e poi muore.

Il lieto vivere senza darsi pensiero del domani si sconta duramente.

A vita è ‘n’arapute i cosce e na nzerrate i casce!

La vita è un’apertura di gambe (della partoriente) ed una chiusura di cassa (da morto)!

Chi tene piatà d’ ‘a carna ‘e ll’àutre, ‘a sòja s’ ‘a màgnano ‘e cane.

Chi ha pietà dell’altrui carne, farà della sua stessa carne che mangiano i cani.

A meglia vita è chella d’ ‘e vaccàre, pecchè tutta ‘a jurnàta manèano zizze e denare.

La migliore vita è quella dei mandriani, perché tutta la giornata maneggiano mammelle (per la mungitura) e soldi (i proventi della loro attività).

La quintessenza dell’edonismo e del materialismo: il culmine della felicità – nei termini di questa concezione radicale – si attinge occupando l’intera vita nel godimento di bellezze muliebri e nel maneggio continuo di quantità cospicue di denaro.

Dicette ‘o pappice â noce: Damme tiempo ca te spertoso.

Disse il tonchio alla noce: dammi tempo che ti buco.

Dicette ‘o scarrafone: po chiovere ‘nostra: chiù niro ‘e chello ca songo nun pozzo addiventà.

Disse lo scarafaggio: può anche piovere inchiostro: più nero di quello che sono non posso diventare.

Le cose non possono andar peggio di così.

Buonu tiempo e malu tiempo nun durano tutto ‘o tiempo.

Buon tempo e cattivo tempo non durano tutto il tempo.

Nulla dura per sempre, tutto passa, le buone come le cattive cose.

Chisto è ‘o munno: chi naveca e chi va a funno.

Questo è il mondo: chi naviga e chi va a fondo.

Dicette ‘o pappavallo: chi vo’ campà felice vere ‘o stuorto e nun adda ricere. 

Disse il pappagallo: chi vuole vivere felice vede ciò che va male e non lo deve dire.

Meglio far finta di non accorgersi di quello che non va se si vuol vivere felici.

Lassa correre ‘o munno comme va. 

Lascia correre il mondo così come va. Lascia che il mondo vada per il suo verso.

Da cà a dimane nasceno ciente pape.

Da qui a domani nascono cento papi.Non fermarti al presente, la vita è mutevole e bisogna essere sempre aperti alle possibilità che offre.

oppure

Da ora a domani abbiamo tutto il tempo che ci occorre per quello che dobbiamo fare.

Male e bene a fine vene.

Male e bene terminano.

Non avvilirti, nessun male è eterno; non insuperbirti, nessun bene dura per sempre.

Nisciuno è nato ‘mparato.

Nessuno è nato istruito, saggio, esperto.

Nisciuno è nato mparato: tutto chello ca sapimmo ce l’avimmo mparato. Nuie nun dicimmo niente ca nun è stato già ritto e, si ricimmo coccosa ‘e inteliggente, ce l’anno mparato ll’uommene inteliggente.

Nessuno è nato sapiente: tutto quello che sappiamo l’abbiamo imparato. Noi non diciamo niente che non sia stato già detto e, se diciamo qualcosa di intelligente, ce l’hanno insegnato gli uomini intelligenti.

oppure

È inevitabile commettere errori, si impara con l’esperienza.

Arremedia pe mmo, ca Dio nce penza appriesso.

Rimedia come puoi per ora, che Dio ci pensa dopo.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*