I leoni e la bambina

La storia non ha data. Racconta di una tradizione arcaica presente ancora in Etiopia: il rapimento delle bambine per costringere le famiglie al matrimonio, con inclusa violenza sessuale. In una di queste occasioni, la polizia allertata dall’unico telefono del villaggio, appronta una pattuglia per l’indomani mattina e dopo due giorni ritrova la bambina (di 12 anni), ma non ci sono più i rapitori.

Al loro posto ci sono tre leoni che all’arrivo dei poliziotti lentamente se ne vanno, come se avessero completato il loro compito. Segue poi il commento dei poliziotti, che rende ancora più credibile il ruolo protettivo svolto dai leoni:

“Hanno fatto la guardia finchè l’abbiamo trovata. Poi hanno lasciato la bambina come se ci facessero un regalo.”
Etologia. E’ possibile che un leone, che ne abbia la possibilità, non mangi una bambina? Posto che non è chiaro se si trattasse di leonesse o leoni, vi sono comunque spiegazioni possibili per entrambi.

Le leonesse di un branco sono tutte imparentate tra di loro e attuano un comportamento di aiuto reciproco e solidarietà. I branchi sono composti, solitamente, da 3 a 12 femmine e da 1 a 7 maschi. Tutte le femmine vanno in estro nel medesimo periodo e partoriscono più o meno contemporaneamente.

Ogni femmina allatta e accudisce anche i piccoli non suoi, anche nel caso che un piccolo rimanga orfano. Un’ipotesi è che il pianto della bambina sia stato confuso, dai leoni, con quello dei leoncini, e abbia attivato il comportamento materno e protettivo.

Anche i maschi hanno un comportamento protettivo nei confronti dei loro piccoli e spesso ci giocano insieme. Anche se è difficile pensare che si potesse trattare di tre leoni maschi non è del tutto impossibile che uno dei tre fosse un giovane maschio.

Per finire una curiosità: perchè i leoni ruggiscono mentre i gatti fanno le fusa? La differenza tra leoni e gatti, oltre alle dimensioni, sta in un osso posto sopra la laringe, lo ioide. E’ un osso presente anche nell’uomo. Nei leoni e in tutti quei felini che emettono ruggiti, quest’osso è cartilaginoso, e può quindi vibrare generando i ruggiti, mentre nel gatto, ma anche nel puma, è rigido e dà origine alle fusa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...